Acquisto prima casa

L’importanza dell’acquisto della prima casa

E’ finalmente arrivato il momento che aspettavi da una vita, hai un lavoro stabile e stai pensando di crearti una famiglia. Il primo grande passo a cui sicuramente avrai pensato, è quello di comprare casa. E’ una decisione molto importante che riguarderà il tuo futuro, quindi prenditi tutto il tempo che ti serve per cercare, guardare, valutare.

La scelta del mutuo giusto

Il principale fattore da prendere in considerazione quando si pensa di acquistare una casa è indubbiamente quello della scelta del mutuo.
Esistono varie tipologie di mutui:

Mutuo a tasso fisso

Il mutuo a tasso fisso offre da sempre la certezza del proprio impegno economico nel tempo. In poche parole il tasso fisso ha il grande pregio di rappresentare la sicurezza per eccellenza. Chi sceglie questa tipologia di tasso non ha nessuna sorpresa, la rata del mutuo rimane invariata per tutta la durata dell’operazione e permette quindi di pianificare il proprio piano di ammortamento in maniera piuttosto precisa. E’ consigliabile scegliere questo tipo di tasso soprattutto per durate piuttosto lunghe, per un mutuo di 30 ad esempio, in modo che non si venga sorpresi dai probabili aumenti dei tassi che inevitabilmente prima o poi in futuro potrebbero verificarsi.

Mutuo a tasso variabile

Il mutuo a tasso variabile, lo dice già la parola stessa, varia nel tempo in base ai tassi di mercato. Non si ha dunque la certezza della rata che si pagherà, motivo per cui molti preferiscono evitarlo.
Sicuramente ”l’incertezza” della cifra da spendere ogni mese può portare a una sensazione di ansia l’intestatario, però vista la significativa discesa dei tassi e dell’indice Euris, questo potrebbe essere il periodo storico ideale per la richiesta di un mutuo a tasso variabile.

Quali sono le spese da sostenere quando si richiede un mutuo?

Quando si accende un mutuo, oltre all’importo per poter effettivamente acquistare la tua nuova casa, ci saranno altre spese, escluse dall’importo del mutuo, che dovrai affrontare:

Spese di istruttoria

Le spese di istruttoria non sono altro che i costi di apertura della pratica che la banca richiede per elaborare la domanda di mutuo e per validare la pratica. L’importo varia effettivamente da istituto erogante ad istituto erogante, possono aggirarsi anche intorno allo 0,5 e l’1% dell’importo richiesto, ma in alcuni casi sono nulle.
In fase di apertura pratica, l’istituto erogante chiederà dei documenti, i quali ovviamente hanno un costo. Solitamente sono il certificato di residenza o lo stato di famiglia, i certificati di iscrizione alla camera di commercio nel caso di professionisti. Tutti questi documenti vengono rilasciati dal comune e hanno il costo della marca da bollo.

La perizia

Anche le spese per la perizia dell’immobile sono da considerare a parte, rispetto l’importo del mutuo. Solitamente il perito è legato alla banca stessa, e sarà colui che decreterà il valore dell’immobile e di conseguenza la cifra che l’istituto erogante ti potrà concedere. L’importo per la perizia si aggira attorno ai 300 euro, iva esclusa, a questi si aggiungono anche contributo per la sua cassa previdenziale e il rimborso delle spese di viaggio nel caso in cui ce ne fossero.

L’atto notarile

Alla stipula del contratto occorrerà pagare il notaio, il costo ovviamente varia da professionista a professionista. Sicuramente però la cifra che dovrai spendere non sarà inferiore ai 2000 euro.

Le imposte

Il finanziamento di mutuo è visto come un’entrata nell’economia familiare e in quanto tale è soggetta ad imposte.
L’acquisto della prima casa è agevolato ma le imposte variano in base a diversi fattori.

Le polizze assicurative

Insieme al mutuo spesso l’istituto finanziante sente la necessità di associare delle polizze assicurative ad ulteriore garanzia del finanziamento. Possono essere polizze vita, polizze che assicurano la casa dagli incendi o polizze contro la perdita del lavoro. I premi di tali polizze, spesso pari solo a qualche decina di euro, vanno aggiunti al conteggio complessivo delle spese. A tutela della concorrenza, per legge, le banche sono tenute a fornire almeno altri due preventivi di compagnie assicurative alternative alla propria, che offrano polizze con lo stesso tipo di garanzie.

La scelta del giusto istituto di credito per il tuo mutuo

Oltre al tempo impiegato per trovare e scegliere la propria casa, si ha bisogno di molto tempo anche per trovare il giusto istituto di credito a cui richiedere il proprio mutuo acquisto prima casa,
la ricerca è spesso fonte di grande stress. Proprio per questo, è sempre opportuno affidarsi a professionisti del credito, in modo da non incappare in brutte sorprese.
a tal proposito, ti invito a visitare la nostra pagina dedicata ai mutui e a contattarci al numero verde 800327328 o tramite chat presente sul sito internet per eventuali dubbi o domande.
Saremo più che felici di aiutarti.

Condividi sui social!



Ciao! Possiamo aiutarti?

Compila il form qui sotto e un nostro agente sarà lieto di rispondere a tutte le tue domande!
close-link